Di une idee di / Da un’idea di

MASSIMO SOMAGLINO

Cu la colaborazion e la consulence di / con la collaborazione e la consulenza di

Anna Gubiani, Stefano Morandini, Massimo Somaglino e Stefania Ursella

Officina di lavoro, laboratorio permanente proiettato alla ricerca scenica, nasce dall’esigenza di cercare risposta ad alcune domande che riguardano la condizione presente del teatro e della società in Friuli. Massimo Somaglino coordinerà un gruppo di esperti che avranno come obiettivo far coincidere il “terreno” dove seminare, coltivare e realizzare i sogni artistici, con il “territorio” sociale, civile e culturale che si abita quotidianamente. Il lavoro teatrale deve essere, dunque, un’esplorazione prolungata nel tempo intorno ad argomenti specifici legati alla friulanità contemporanea ed ai suoi problemi.

Oficine Laboratori

Oficine di lavôr, laboratori che al l dure tal timp e che si slungje fin ae ricercje seniche, al nas cu la pretese di cirî rispuestis a ciertis domandis che a tocjin la cundizion dal teatri e de societât in Friûl in dì di vuê. Massimo Somaglino al coordenarà un  grup di esperts che a varan tant che fin il cumbinâ il “teren” dulà semenâ, coltâ e inverâ i siums artistics, cul “teritori” sociâl, civîl e culturâl che si vîf ogni dì. Il lavôr teatrâl al à di jessi, alore, une esplorazion sprolungjade intal timp su argoments particolârs che a vedin un leam cu la furlanetât di cumò e cui siei problemis.

‘Io ho un grande rammarico, che non sono riuscito a trasmettere ai miei figli la mia lingua. Mia moglie sì, il dialetto, la lingua, la sa bene, come me… però vivendo lontano…. c’era veramente una grossa difficoltà, per uno che voleva trasmettere ai suoi figli… doveva avere una grande coscienza e una grande forza, perché… come si trasmette? In che modo? Cosa dovevo fare? Io… non ne ero mica consapevole…. Bisognava parlare coi bambini già da piccoli nella lingua madre nostra… la mia lingua…. In questo modo sarei riuscito a dare continuità, e allora… loro avrebbero appreso sicuramente, invece questo è mancato proprio per il fatto di vivere fuori… ed è così, ma si può capire, ci si trova in un ambiente che… nemmeno ti considera, se scopre che sei straniero, che hai quelle origini lì…’

‘Jo o ài un grant displasé… che no ài rivât a trasmetti ai miei fîs la mê lenghe…. Me femine, sì… il dialet, la lenghe, jé le sa ben, come me…. però stant lontan… al jere pardabon dificil, par un c’al veve chê di trasmeti…. si veve di vê une grande cussience, une fuarce ancje, parcè… ce mût si fasial? In ce maniere si trasmet? Ce vevio di fâ?… Jò nancje no savevi ce mût… O varès vût di cjacaraj cui fruts zà di piciui ta lôr lenghe mari… la nestre… la mê lenghe… Cussì o varès rivât a perpetuâ… e alore lôr a varessin imparât, dal sigûr, e invecit chest al è mancjât, propit pal fat di jessi a stâ tal forest… e al è cussì, ma si po’ capì, tu tu ti cjatis in tun ambient dulà che… la int nancje no ti cjale… e se al capìs che tu sês forest, che tu às che origjine lì….’

Da una testimonianza raccolta da Stefano Morandini

Teatri stabil furlan tsf laboratorio officina