Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

Produzion / Produzione

Teatri Stabil Furlan

Realizât in coproduzion cun / Realizzato in coproduzione con

Associazione Candoni e Teatro Nuovo Giovanni da Udine

Cun la colaborazion di / Con la collaborazione di

Far East Film Festival

Cun / Con

Marco Rogante, Giuliano Bonanni, Chiara Donada

Ripresis e montaç / Riprese e montaggio

Mike Tessari

Fotografie / Fotografia

Marco Giusti

Musichis origjinâls / Musiche originali

Mariano Bulligan

Traduzion par furlan par cure di / Traduzione in friulano a cura di

Carlo Tolazzi

Mascaris antropomorfis / Maschere antropomorfe

Brat Teatro

Coordenament / Coordinamento

Massimo Somaglino e Giuliano Bonanni

Par prenotâ i puescj frache il link https://cec.18tickets.it/film/11126.

Jentrade libare.

Per prenotare i posti cliccare su questo link https://cec.18tickets.it/film/11126.

Ingresso gratuito.

Intal 1961 Luigi Candoni al à scrit pal teatri “Edipo a Hiroshima”. In chest test, lis indicazions di regjie dal autôr a previodevin, tal stîl dal timp, l’ûs di sugjestions plurisensoriâls, visivis e acustichis – vôs regjistradis, diapositivis, filmâts – instreçadis cul fevelât. Ve duncje la idee di fâ un video pal centenari de nassite, là che lis contaminazions “candonianis” fra teatri e tecnologjie a son rispietadis e valorizadis. Il toc di test cjapât di riferiment al è gjavât fûr di un lavôr dal 1969, “Via Crucis Orazero”, une scriture struturade apont tant che une via crucis, in cutuardis tapis: di chês, la setime o ben la seconde colade dal Crist, intitulade “Hiroshima”, e je une riduzion dal so stes test dal ’61. In chel si conte dal torment e de crisi di cussience dal pilote de Enola Gay, l’avion che al à butade la bombe atomiche su la citât gjaponese causant un numar di vitimis mai precisât, ma stimât fra lis 90.000 e lis 150.000. Lui al ripasse il so viaç e al cîr il perdon des vitimis, che però i è par simpri dineât.

Nel 1961 Luigi Candoni scrisse per il teatro ‘Edipo a Hiroshima’. In questo testo le indicazioni di regia dell’autore prevedevano (come era stile dei tempi) l’utilizzo di suggestioni pluri-sensoriali, visive ed acustiche (voci registrate, diapositive, filmati) intrecciate al parlato. Ecco quindi l’idea di realizzare un video per il centenario della nascita, nel quale le ‘candoniane’ contaminazioni fra teatro e tecnologia sono rispettate e valorizzate. Il lacerto testuale preso a riferimento è tratto da un lavoro datato 1969: ‘Via Crucis Orazero’, una scrittura strutturata come una ‘via crucis’ appunto, in quattordici tappe, delle quali la settima, (la seconda caduta del Cristo) intitolata ‘Hiroshima’, consiste in una riduzione del suo stesso testo del ’61. In esso si racconta del tormento e della crisi di coscienza del pilota dell’Enola Gay, l’aereo che sganciò sulla città giapponese la bomba atomica, causando un numero di vittime mai precisato, ma stimato fra le 90.000 e le 150.000. Egli ripercorre il suo viaggio e cerca dalle vittime un perdono che però gli è per sempre negato.

Comunicato Stampa “VII Stazione Hiroshima”

Dettagli

Data:
28/10/21
Ora:
20:30
Categoria Evento:

Organizzatore

Teatri Stabil Furlan
Telefono:
+39 392 3273719
Email:
info@teatristabilfurlan.it

Luogo

Cinema Visionario Udine
Via Fabio Asquini 33
Udine, Udine 33100 Italia
+ Google Maps