Teatri Stabil Furlan

Lorenzo Zanon Presidente TSF

L’idea di un “Teatri Stabil Furlan” ha appassionato per molti anni il mondo culturale friulano, che da tempo esprime, anche nel settore del teatro, una professionalità di assoluto livello. Per valorizzare questo patrimonio era necessario dare vita a una istituzione stabile che garantisse mezzi e progetti per la produzione, lo studio, la ricerca e la collaborazione con le altre analoghe realtà che operano in Regione e non solo.

Per questo, nell’estate del 2019, su iniziativa del Comune di Udine, è nata l’’Associazione “Teatri Stabil Furlan”.  Ci aspetta un lungo percorso per realizzare appieno questo sogno; le difficoltà non mancheranno, ma siamo altresì risoluti e determinati a lavorare per la sua riuscita.

La idee di un “Teatri Stabil Furlan” e à creât un grant interès par un grum di agns tal mont culturâl furlan che al à savût dimostrâ tai ultins timps une professionalitât di valôr ancje tal cjamp dal teatri. Par rimarcâ chest   patrimoni al jere necessari inmaneâ une istituzion stabile che e fos in stât di garantî imprescj e progjets pe produzion, il studi, la ricercje e la colaborazion cun altris realtâts che a operin in Regjon e no dome.

Par chest intal Istât dal 2019 par volontât dal Comun di Udin e je nassude le associazion par il Teatri Stabil Furlan. Nus spiete un percors lunc par trasformâ il sium in realtât; no mancjaran dificoltâts, ma o sin convints e determinâts tal rivâ fin insom.

Lorenzo Zanon, Presidente TSF

Scopri di più sul TSF

“Un popolo che non coltiva il suo teatro è moribondo, se non è già morto”, diceva Federico Garcia Lorca.

E questo vogliamo fare: coltivare attrici e attori, scrittrici e scrittori, registe e registi, musiciste e musicisti, scenografe e scenografi….. Vogliamo ricordare con rispetto e riconoscenza quelle/i di ieri, ma soprattutto sostenere quelle/i di oggi.

Per l’oggi e per il domani. Un teatro professionista che lavori in accoglienza e condivisione. Un teatro aperto, libero e vivo, per un territorio e la sua gente.

‘Un popul che nol colte il sô teatri al è moribond, s’a nol è za muart’, al diseve Federic Garcia Lorca.

E chest o volìn fâ: coltâ atoris e atôrs, scritoris e scritôrs, regjistis e regjists, musicistis e musiciscj, senografis e senografs…. O volìn memoreâ cun rispiet e ricognossince chês/chei dal passât, ma soredut tignî su chês/chei di vuê.

Pal vuê e pal doman. Un teatri professionist ch’al operi in bon acet e condivision. Un teatri viert, libar e vîf, par un teritori e par la sô int.

Massimo Somaglino, Direttore artistico

I prossimi appuntamenti

IL NOSTRO CALENDARIO

Vai all’elenco completo